Laboratorio

Laboratorio

Paese: 

Uganda

Regione: 

Karamoja

Luogo: 

Matany

Data avvio: 

1 Gen 2011

Stato: 

  • Attivo

Beneficiari: 

Pazienti St. Kizito

Budget: 

10.000 € / anno

Genesi progetto: 

Il laboratorio analisi dell’ospedale di Matany è dotato di diverse apparecchiature, alcune delle quali donate da sostenitori italiani negli anni passati. Tali strumentazioni permettono di effettuare esami importanti (ad esempio funzione epatica e renale) che, altrimenti, dovrebbero essere eseguiti manualmente (con elevato probabilità di errore), ma che necessitano di reagenti provenienti dall’Europa perché non reperibili in Africa.

Il rinnovo completo delle apparecchiature di laboratorio mediante l’acquisto di strumenti nuovi, con possibilità di acquisto dei reagenti in Uganda, è al momento una spesa non sostenibile né da parte di IDEA, né da parte dell’Amministrazione dell’ospedale. Sarà eventualmente auspicabile in un prossimo futuro. Attualmente il rifornimento dei reagenti dall’Italia appare l’unica strategia attuabile per garantire l’effettuazione degli esami di base e il corretto iter diagnostico-terapeutico per i pazienti, come evidenziato dai medici locali e dai volontari medici di IDEA che si trovano a lavorare in loco.

Background: 

La corretta gestione dei pazienti degenti in ospedale, in qualsivoglia parte del mondo, necessita del controllo dei principali esami ematici. Anche negli ospedali rurali africani, come quello di Matany, è fondamentale l’esecuzione degli esami ematochimici di primo livello (emoglobina ed emocromo, funzione renale ed epatica, elettroliti, test HIV, striscio per malaria, etc.) per l’inquadramento del paziente ed il suo follow-up.

Nell’ospedale di Matany è attivo un efficiente laboratorio analisi nel quale lavorano sei tecnici di laboratorio ed un capo-tecnico; nell’anno 2012, sono stati eseguiti circa 85.000 esami per i pazienti ricoverati e per quelli ambulatoriali.

Obiettivi: 

- miglioramento della gestione dei pazienti ricoverati;
- diagnosi precoce di alterazioni pericolose per la vita del paziente e monitoraggio dell’andamento clinico dei pazienti, acuti e cronici;
- follow-up dei pazienti ambulatoriali con patologie croniche;
- valutazione degli eventuali effetti collaterali da farmaci.

Azioni: 

- supporto all’acquisto dei reagenti necessari per il fabbisogno annuo dei macchinari donati da sostenitori italiani negli anni precedenti, nell’attesa che l’ospedale si doti di apparecchiature locali, i cui reagenti possano essere acquistati in Uganda;
- monitoraggio dei consumi dei reagenti attraverso la redazione di report mensili da parte del personale di laboratorio;
- training on the job del personale locale di laboratorio da parte di volontari italiani sul funzionamento delle apparecchiature, sulla loro manutenzione, sulla corretta pratica di richiesta ed interpretazione degli esami disponibili.